is loading...

Cesare
Scarton
Direttore Artistico

Cesare Scarton si è diplomato in Regia lirica e teatrale presso il Conservatorio di Musica «Santa Cecilia» di Roma e laureato in Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo presso l'Università degli Studi di Bologna.
Presso l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia svolge attività di docente e di coordinatore delle attività artistiche di Santa Cecilia Opera Studio, progetto di alto perfezionamento in canto lirico.
Presso la Fondazione Rossini di Pesaro è membro del Comitato scientifico e direttore delle collane «Iconografia rossiniana», «I libretti di Rossini», «Saggi e Fonti».
Ha fatto parte della direzione artistica di importanti manifestazioni internazionali di musica, danza, teatro, tra le quali la Sagra Musicale Umbra, le Panatenee (Pompei, Agrigento, Capri), il Verdi Festival di Parma, il Reate Festival di Rieti, del quale nel 2012 è stato nominato Direttore artistico e confermato nel medesimo incarico nel 2015.
Ha curato, fra le altre, la regia di Il matrimonio segreto di Cimarosa, Chi rapì la topina Costanza? di Vacca, Lo scoiattolo in gamba di Rota, Così fan tutte di Mozart, La piccola volpe astuta di Janáček, L'heure espagnole di Ravel, Gianni Schicchi di Puccini, L'impresario in angustie di Cimarosa (produzioni realizzate per l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Parco della Musica, Roma, e registrate in dvd), The little sweep di Britten, Dido and Aeneas di Purcell, Il libro dei reclami di Chailly (Teatro Comunale, L'Aquila), Il re pastore di Mozart e Nina ossia La pazza per amore di Paisiello (Festival Le notti di Villa Mondragone, Teatro delle Acque), Suor Angelica di Puccini (Teatro Rendano, Cosenza), Il filosofo di campagna di Galuppi e Le due gemelle di Piccinni (Festival Arte In Canto), Caldo Disio di autori vari (Lisbona, Culturgest, prima esecuzione assoluta), Il campanello di Donizetti e Adina di Rossini (Reate Festival, Teatro Flavio Vespasiano, Rieti), La serva padrona di Pergolesi (Roma, Vilnius, Riga, Tallinn, Kiev, Budapest), Così fan tutte di Mozart (Narnia Festival), Otto von Kitsch di Vacca e Boletus di Boccadoro (Opera In Canto, Teatro Sergio Secci, Terni, prime esecuzioni assolute), L'elisir d'amore di Donizetti e L'italiana in Algeri di Rossini (Teatro Marrucino, Chieti), Il marito giocatore e la moglie bacchettona di Orlandini e Il combattimento di Tancredi e Clorinda di Monteverdi (Auditorium Ennio Morricone, Università di Tor Vergata, Roma), Brundibár di Krása (Teatro dell'Opera, Roma 2013; ripresa 2014, 2015), il dittico Donna, serva della mia casa, comprendente Fadwa di Scarlato e La stanza di Lena di Carnini (Accademia Filarmonica Romana, Teatro Olimpico, Roma, prime esecuzioni assolute). Ha messo in scena Anna Bolena di Donizetti con Fabio Biondi ed Europa Galante, produzione registrata in dvd e trasmessa da Sky Classica, e Un giorno di regno di Verdi, progetto finanziato dal Comitato Nazionale per il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e registrato in cd. Ha curato la drammaturgia della Traviata tra Verdi e Dumas, narrata da Renata Scotto e letta da Milena Vukotić (Parco della Musica, Roma) e di Čajkovskij e Madame von Meck con Sonia Bergamasco e Giulio Scarpati diretta da Antonio Pappano (Musei Vaticani, Città del Vaticano).
Esperto di vocalità, si è dedicato anche al melologo, contribuendo alla valorizzazione e alla riscoperta di questo genere con concerti, conferenze, seminari, trasmissioni radiofoniche e spettacoli.
Per Anna Proclemer ha scritto e messo in scena il monologo Anna dei Pianoforti da Alberto Savinio, rappresentato, tra l'altro, a Roma (Teatro Argentina), Milano (Piccolo Teatro), Firenze (Teatro della Pergola, Maggio Musicale Fiorentino), Palermo (Teatro Biondo), Bellinzona (Teatro Sociale), presso gli Istituti di cultura italiana di Monaco di Baviera e Londra ed è stato trasmesso da Radio Tre e dalla Radio della Svizzera italiana.
Collabora in qualità di responsabile della lingua italiana con la Bayerische Staatsoper presso la quale ha partecipato a prestigiose produzioni: Mozart, Don Giovanni, direttore Kent Nagano; Mozart, Mitridate, re di Ponto, direttore Ivor Bolton; Mozart, La clemenza di Tito, direttore Kirill Petrenko; Monteverdi, L'Orfeo, direttore Ivor Bolton; Donizetti, Lucia di Lammermoor, direttore Kirill Petrenko. Stesso incarico ha avuto presso l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia per Rossini, Tancredi, direttore René Jacobs, e Rossini, Il viaggio a Reims, direttore Kent Nagano, e presso importanti case discografiche quali la Deutsche Grammophon e la Sony.
Ha tenuto conferenze presso alcune importanti istituzioni fra le quali Fondazione Teatro dell'Opera di Roma, Università degli Studi di Roma e dell'Aquila, Fondazione Rossini di Pesaro, Teatro Tascabile di Bergamo, Conservatorio di Musica di Bari e di Trento, e master classes presso le Università di Graz (Austria), Varna e Sofia (Bulgaria), Vilnius (Lituania), Riga (Lettonia), Tallinn (Estonia), Kiev (Ucraina), Budapest (Ungheria).
Per il Ministero dei Beni e delle Attività culturali ha registrato un video in quattro puntate dedicato alla regia nel teatro musicale di Giuseppe Verdi, consultabile presso il portale dedicato al compositore a cura del Ministero.
Ha insegnato dal 1998 al 2010 Storia dell'Opera e Messinscena dello spettacolo musicale presso l'Università degli Studi dell'Aquila.
E' docente di Teoria e tecnica dell'interpretazione scenica presso il Conservatorio di musica «Santa Cecilia» di Roma.
Fra le sue pubblicazioni Il melologo: una ricerca tra recitazione e musica, Città di Castello, Edimond, 1998, con un'introduzione di Giovanni Carli Ballola; Verdi e l'Ottocento europeo, Parma, Comitato Nazionale per le Celebrazione Verdiane, 1999-2000; Verdi Festival 2001 Parma. Un anno di spettacoli, Parma, Grafiche Step, 2001; Otello. Un percorso iconografico da Shakespeare a Rossini, Pesaro, Fondazione Rossini, 2003.