Tu sei qui

Reate Festival IV edizione

Locandina
2012
16 settembre - 29 settembre

Reate Festival 2012: continuità e innovazione

Il Reate Festival è una manifestazione che ha sede a Rieti presso il Teatro Flavio Vespasiano, esempio luminoso di teatro all’italiana, dalle proporzioni architettoniche ideali ed all’acustica perfetta. La manifestazione, giunta quest’anno alla sua quarta edizione, intende promuovere la conoscenza del Bel canto, un bene culturale tra i più preziosi del nostro Paese che merita di essere, al pari degli altri, tutelato e salvaguardato. Il Reate Festival si propone di raggiungere questo obiettivo non solo con la realizzazione di grandi capolavori del genere, ma anche attraverso lo studio di questo stile vocale e musicale, uno dei momenti aurei della cultura del nostro Paese. Coerentemente alle sue finalità, fin dalla prima edizione, il Reate Festival ha incentrato la propria programmazione artistica sulla trilogia di Mozart - Da Ponte (Le nozze di Figaro, Don Giovanni, Così fan tutte) che segna uno dei vertici della storia del teatro musicale di tutti i tempi, grazie a un insuperabile connubio tra la parola del librettista italiano e la musica del grande compositore austriaco. In occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia, l’edizione 2011 del Reate Festival è stata dedicata in gran parte al Risorgimento, che costituisce la cornice storica del Bel canto e del melodramma italiano ottocentesco. La funzione che quest’ultimo ha avuto in Italia nel periodo risorgimentale va ben al di là del mero dato artistico per attingere a una dimensione politica, dato che l’Unità del nostro Paese si è realizzata , prima che sui campi di battaglia, sui palcoscenici della penisola, dove si parlava già la medesima lingua, quella del Belcanto. Il Reate Festival 2012 ha inteso incentrare la programmazione sulle opere comiche in un atto, sulla scia del felice e sito rigistratosi nel 2010 in occasione dell' allestimento della farsa Il campanello di Gaetano Dozinetti.

A inaugurare la rassegna reatina sarà dunque Gianni Schicchi di Giacomo Puccini, ultimo capolavoro della grande tradizione buffa italiana, mentre chiuderà la manifestazione  Adina di Gioachino Rossini, affascinante quanto misteriosa creazione del Pesarese, che ha avuto dal suo esordio fino ai nostri tempi ben poche riprese. Queste due opere saranno realizzate in collaborazione con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, con la quale il Festival ha istaurato fin dal suo esordio un rapporto privilegiato tendente a valorizzare le forze giovani presenti all’interno dell’Istituzione: Santa Cecilia Opera Studio e Santa Cecilia Music Masters. L’esecuzione dell’opera rossiniana sarà inoltre preceduta dalla presentazione del volume Adina, edito dalla Fondazione Rossini di Pesaro.

Parimenti prestigiosa e ugualmente ispirata agli stessi intenti artistici è la collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma che presenterà la propria Orchestra giovanile di recentissima formazione e che farà qui il suo debutto, dopo il grande successo riscosso questa state alle Terme di Caracalla. 

La programmazione del Festival 2012 si snoderà poi attraverso concerti dedicati alla vocalità con l’esecuzione dei Carmina Burana di Carl Orff con il celebre Coro del Teatro Regio di  Parma, presenza costante al Reate Festival, a cui seguiranno un concerto di Anna Caterina Antonacci con l’Accademia degli Astrusi, diretta da Federico Ferri, nel quale la famosa cantante presenterà brani di Monteverdi e Purcell, autori che hanno aperto la strada al Belcanto e una serata con il prestigioso complesso Europa Galante, diretto da Fabio Biondi e con la partecipazione del mezzosoprano Marina De Liso, in cui saranno proposte fra l’altro pagine vocali di Händel e Pergolesi.

Gli altri due appuntamenti sono all’insegna della trascrizione: il primo prevede l’esibizione degli European Wind Soloists che presenteranno musiche operistiche trascritte per  ensemble di strumenti a fiato, mentre il pianista Giovanni Bellucci si dedicherà alle parafrasi composte da Franz Liszt sulle melodie delle opere più celebri di Verdi e Wagner:  un omaggio anticipato agli anniversari di nascita dei due maggiori compositori del teatro musicale romantico (1813-2013).

Foto a cura di: Alex Giagnoli, Emiliano Grillotti, Massimo Renzi e Massimo Rinaldi.

Programmazione eventi

febbraio 2012

Media gallery